CORSI

LAVORO

06/08/2020

SEO: che cos'è e perché è così importante per lavorare in ambito Web e Social

La nuova puntata della rubrica #corsiemestieri è dedicata alla temutissima SEO!

Se pensi che i siti che trovi nelle prime posizioni delle tue ricerche su Google siano lì perché sono “belli” graficamente o perché sono di proprietà di grandi aziende, ti sbagli di grosso. Non c’è nessuna casualità dietro i risultati di Google, ma qualità e “matematica”. C’è SEO (Search Engine Optimization), c’è cura dei contenuti, c’è link building. Ecco perché il corso di SEO e Web Marketing è sempre stato presente nel nostro catalogo, fin dal primo giorno! D’altronde, prova a farci caso: in quasi tutti gli annunci di ricerca del personale, sia in ambito Social Media, sia in un più generico ambito Web, tra i requisiti essenziali è presente la conoscenza della SEO. E allora eccoci qui, con la nuova puntata della rubrica #corsiemestieri, pronti a spiegarti in maniera molto semplice e comprensibile (anche per chi non mastica già i termini del settore*), che cos’è la SEO e perché è così importante lavorativamente parlando! *Per chi, invece, li mastica già, avevamo scritto questo articolo un po’ più tecnico: magazine.enacveneto.it/corso-seo  

Che cos’è questa famosa SEO?

SEO, parola temutissima da tutti gli esperti dei settori Web e Social Media Marketing, letteralmente è l’ottimizzazione per i motori di ricerca. E cioè? Eviteremo di riportarti qui definizioni tecniche che puoi trovare tranquillamente su Wikipedia o su qualsiasi altro sito, ma vogliamo provare a farti esempi molto pratici.
  1. Qualità dei testi “visibili”. Per prima cosa tutti i testi di un sito web (o di un blog o di una landing page) devono essere di qualità, quindi devono dare una spiegazione chiara e di valore relativamente a un certo tema: dai testi delle voci di menu, agli articoli del blog, all’url delle singole pagine. Inoltre sarebbe preferibile inserire sempre delle parole (o frasi) chiave (dette keyword long-tail), cioè le parole con le quali vogliamo essere trovati. Ad esempio se abbiamo un hotel a Bardolino con piscina, cercheremo di inserire spesso la keyword long-tail “Hotel con piscina sul Lago di Garda” perché possiamo immaginare che un turista possa effettuare una ricerca simile su Google in fase di prenotazione.
  2. Qualità (e strategia) dei testi “nascosti”. Adesso non pensare che ci siano testi nel sito visibili solo con occhialini a raggi X! 😉 Parliamo dei testi che vanno inseriti nel back-end di ogni sito, quindi nella struttura interna, e che servono proprio a migliorare il punteggio di qualità SEO del tuo sito, permettendoti, così, di salire in alto nella classifica di Google. Per farti capire di cosa stiamo parlando, fai così: vai su Google e cerca “ENAC Veneto”. Ti comparirà una schermata simile:
    Schermata ricerca Google: “ENAC Veneto” Ecco la schermata di ricerca su Google: “ENAC Veneto”
    I testi che abbiamo inserito nel back-end del sito, sono quelli indicati dalle frecce verdi! Altro testo nascosto che vogliamo rivelarti: continuando con l’esempio di prima, clicca sulla seconda voce “Formazione”. Quando si aprirà la pagina web del nostro sito, posiziona il mouse sulla tab della scheda del browser in alto senza cliccare nulla: vedrai comparire un testo. Anche quello è stato inserito precedentemente nel back-end del sito!
    Title del sito ENAC Veneto Il title della sezione Formazione del sito ENAC Veneto.
    Questi testi devono essere anche strategici: devono riprendere le keyword long-tail e rispondere in maniera esatta alla probabile ricerca degli utenti sul motore di ricerca.
  3. Qualità e testi alternativi delle immagini. Anche le immagini hanno un ruolo importante sulla SEO: inserendo immagini non troppo pesanti, rinominandole con parole chiave e inserendo descrizioni chiare nel back-end del sito, favoriremo il posizionamento su Google.
Queste sono solo alcune delle attività possibili per l’ottimizzazione del nostro sito, ma ce ne sono ancora molte altre, come lo studio delle key words con le quali viene cercato il prodotto o servizio che offriamo (e, quindi, l’analisi dei competitor), l’usabilità del nostro sito (si carica velocemente? si trova facilmente ciò che si cerca navigando al suo interno? Si adatta al monitor di cellulari o tablet?), la qualità dei link che “portano” al nostro sito e quelli che “escono” verso altri.  

Perché la SEO è così importante?

Dicevamo nell’introduzione che spesso la competenza SEO è richiesta anche per profili non specificatamente dedicati a questa attività. Perché? Ambito Social Media: anche la qualità dei nostri Social Network, se collegati al sito web, influenza la qualità dello stesso sito. Piani editoriali curati, pubblicazioni regolari, aumento di follower costante: sono tutti elementi utili a dare autorità a un sito. PS: sapevi che c’è la possibilità di inserire il testo alternativo anche alle immagini di Instagram? 😉 Nello screenshot vedi dove cliccare per inserirlo (questo permetterà a Google di trovare più facilmente le immagini del tuo profilo piuttosto che quelle di un altro competitor).
Screenshot impostazioni IG Screenshot delle impostazioni su Instagram.
 
Screenshot alt text IG Screenshot del testo alternativo su Instagram.
  • Ambito programmazione Web e CMS: se vuoi diventare un programmatore Web o un CMS Specialist (WordPress, Joomla, eccetera) non puoi non sapere cos’è la SEO e come si fa, perché ogni tuo cliente te la chiederà!
  • Ambito Web Marketing: se vuoi occuparti di Web Maketing ovviamente la competenza SEO è imprescindibile per il tuo ruolo. Inoltre forse non sai che anche nelle newsletter c’è la possibilità di ridimensionare le immagini per renderle più facilmente scaricabili e di inserire testi alternativi sulle stesse per aiutare nella lettura chi ha come impostazione l’apertura delle e-mail senza immagini.
  • Ambito Web ADV e Web Data Analyst: se “da grande” vuoi occuparti di campagne Google ADS per aumentare il traffico delle visite ai siti web o di analisi dei dati web, ci dispiace ma nemmeno tu puoi sfuggire alla SEO! Il motivo è semplicissimo: se la conosci, saprai anche come migliorare il sito di atterraggio della tua campagna o saprai perché la frequenza di rimbalzo (uscite troppo veloci dalle pagine web) è così alta!
 

Come imparare a fare la SEO?

Semplice: con la formazione! Noi abbiamo un corso serale che dura 40 ore. Se vuoi saperne di più, puoi contattarci scrivendo a verona@enacveneto.it e ti invieremo il programma completo oppure puoi leggere l’articolo in cui un’infiltrata speciale ci ha raccontato l’articolazione del corso: magazine.enacveneto.it/infiltrato-corso-seo. Il corso parte circa 2 volte l’anno (in ottobre e in febbraio/marzo). Abbiamo anche dei corsi finanziati che approfondiscono questo tema, ma dobbiamo attendere i bandi della Regione Veneto per darti tutti i dettagli. Se non vuoi perderti gli aggiornamenti, iscriviti alla nostra newsletter dal sito www.enacveneto.it oppure manda un’e-mai a verona@enacveneto.it chiedendo di essere inserito nella mailing list.   6/08/2020