CORSI

LAVORO

01/10/2019

ENAC Veneto, GT SERVIZI e Caritas: una rete che funziona

La storia di Cisse in ENAC Veneto ci dimostra che l'unione fa la forza, sempre!

Loghi POR2014-2020 Aiutare una persona disoccupata a trovare un nuovo lavoro non è semplice, ma, come si suol dire, “l’unione fa la forza”! Ne abbiamo avuto la dimostrazione proprio in questi ultimi mesi grazie a Cisse Mamamdi. Cisse è un ragazzo di 32 anni che, dopo aver lasciato la Guinea, si è messo in viaggio per trovare una terra dove integrarsi. Il lavoro di rete, che ha coinvolto ENAC Veneto, GT SERVIZI e Caritas, ha permesso di realizzare il suo sogno: avere una dignità nel nostro Paese e un lavoro a tempo indeterminato!
Ecco il protagonista della nostra storia: Cisse!
Ma partiamo dall’inizio: Cisse scopre l’Assegno per il Lavoro, misura messa a disposizione da Regione Veneto a favore delle persone disoccupate. L’AxL è un programma a favore di chi cerca lavoro. Offre:
  • servizi di informazione, orientamento, counseling e supporto all'inserimento lavorativo (da un minimo di 7 a un massimo di 27 ore individuali),
  • servizi di formazione.
Cisse, indirizzato dal Signor Braido, referente di Caritas, ha scelto ENAC Veneto come ente accreditato per l’erogazione dei servizi cui aveva diritto. È così che ha conosciuto la nostra Carla Nani, che, durante le sue 12 ore di consulenza, lo ha supportato nella ricerca di un nuovo lavoro. Ed ecco entrare in gioco l’unione di cui parlavamo poco fa! Leggi la storia a lieto fine di Cisse raccontata attraverso le interviste dei 4 protagonisti.
Casa della Carità - Caritas Tarvisina
Caritas è una realtà che condivide con noi alcuni valori fondamentali, tra cui la centralità della persona e la relazione, strumento considerato motore di ogni “impresa” umana. È un’istituzione che si caratterizza per le sue attività di ascolto, accoglienza e sostentamento nei confronti di persone in grave difficoltà sociale ed economica; inoltre permette a profughi, richiedenti asilo in fuga dalla violenza e dalle povertà dei loro Paesi di origine, di trovare un luogo dove possano progettare un futuro a partire da sé e dalla collaborazione con il territorio. ENAC Veneto, oltre a condividere questi valori, assolve il ruolo di servizi al lavoro utilizzando appunto l’Assegno per il Lavoro rivolto a tutti i lavoratori disoccupati che cercano una nuova collocazione all’interno di un nuovo progetto professionale. È proprio all’interno di queste linee comuni che ENAC Veneto e Caritas si incontrano per sostenere Cisse in un progetto di Inserimento lavorativo. Abbiamo intervistato per voi Adriano Braido, operatore Caritas Vittorio Veneto. Quali sono le difficoltà che trovate nell’accompagnare le persone che si affidano a voi verso un progetto di vita e lavoro?  Casa Murialdo di Caritas è aperta all'accoglienza (8 posti letto) di uomini maggiorenni, italiani e non italiani che stanno vivendo dei momenti di difficoltà nella loro vita e cercano qui una ripartenza oppure, come nel caso degli immigrati, una continuazione nel percorso di integrazione. Accogliamo persone di diverse realtà sociali con storie private molto diverse. In Casa Murialdo abbiamo definito un progetto che prevede autonomia e responsabilità in modo che, alla fine del percorso, la persona abbia acquisito degli strumenti utili a poter proseguire, migliorandolo, il proprio progetto di vita. Tutto questo presuppone, da parte dell'ospite della realtà, una presa di coscienza di ciò sta vivendo ed è proprio qui che riscontriamo la maggiore difficoltà. Tramite un lavoro di gruppo, ovvero una gestione della casa condivisa in cui ognuno ha degli spazi propri che deve imparare a gestire correttamente e degli spazi comuni in cui ci si aiuta reciprocamente, si è notato un miglioramento che poi viene supportato da noi operatori tramite un continuo ascolto e confronto su temi personali o del gruppo. In riferimento al percorso intrapreso da Cisse presso ENAC Veneto, come vi siete trovati? E quali sono le prospettive che vedreste in futuro? Tra gli strumenti utili per poter proseguire al meglio il proprio progetto di vita, un ruolo importante lo ha il lavoro. Tanti degli ospiti arrivano in Casa Murialdo e non hanno un lavoro e, per questo motivo, in parallelo al percorso di presa di coscienza, si avvia un supporto alla ricerca lavorativa. In questo contesto, il percorso intrapreso da Cisse presso ENAC Veneto, grazie all'AxL, è stato per noi molto positivo soprattutto per il fatto che il progetto facilita molto il contatto tra aziende e corsisti e di conseguenza una possibile assunzione. L'importanza del continuo ascolto e dialogo intrapreso in Casa Murialdo serve proprio a capire meglio quali possono essere le migliori opportunità per gli ospiti anche in ambito lavorativo e Cisse è stato un esempio positivo in questo! Cosa pensi del lavoro di rete che abbiamo attivato? Vista la situazione che stiamo vivendo nel territorio italiano, riteniamo sempre più necessaria una sinergia tra le varie realtà che si occupano di fragilità. Questo per ottimizzare al meglio le risorse che vengono messe in campo al fine di rispondere con maggior efficacia alle difficoltà che molte persone stanno affrontando anche in ambito lavorativo. Non essendoci per ora una struttura organica da parte degli enti governativi che accompagni il lavoratore nell'inserimento in nuova esperienza lavorativa, abbiamo potuto constatare che il fare rete tra realtà che hanno esperienza in questo ambito, con il supporto degli enti regionali preposti, sia lo strumento più efficace per poter dare una risposta valida e che duri nel tempo permettendo al lavoratore di guardare al proprio futuro con più serenità. Vuoi lasciarci qualche considerazione sull’esperienza? Come Caritas, ci auguriamo che queste collaborazioni possano continuare tenendo in primaria considerazione l'aspetto umano e la gestione delle relazioni umane al fine di evitare tensioni e conflitti. Questo, per esperienza, ha come riflesso un miglioramento in tanti ambiti del nostro vivere quotidiano in cui il lavoro ricopre un ruolo significativo.
GT SERVIZI
Gt Servisi SRL è un’azienda dedita ai bisogni delle imprese (cantine, aziende alimentari, trasporti, servizi ambientali), in particolare servizi di confezionamento, di pulizia, di logistica, di trasporto. Intervista a Tiziano Zuan, titolare dell’azienda. Quali sono le difficoltà che incontri maggiormente nella ricerca di personale? Nella nostra attività, la principale difficoltà che riscontriamo nella ricerca di personale è quella legata alla disponibilità e alla flessibilità oraria: molti candidati si sono dimostrati incapaci all'adattamento per la mansione ricercata. Come ti sei trovato con ENAC Veneto e con il servizio di selezione all'interno del progetto Assegno per il Lavoro, durante la collaborazione per la ricerca di dipendenti? Personalmente mi sono trovato molto bene e sono rimasto davvero molto contento del servizio della Dott.sa Carla Nani, perché si è sempre mostrata professionale e cortese di fronte alle nostre ricerche di personale. Ti andrebbe di lasciarci qualche considerazione sull’esperienza? Certo! La mia opinione è che tutt'ora è molto difficile trovare il candidato adatto per le mansioni ricercate. I lavori che offriamo non richiedono caratteristiche specifiche: le offerte sono rivolte a tutti, ma per noi è fondamentale che chi si propone si dimostri realmente interessato, umile e disponibile. Inoltre spesso notiamo nei candidati stessi una scarsa volontà di adattamento e di miglioramento. ENAC Veneto ci ha presentato Cisse Mamadi, che ha soddisfatto appieno le nostre esigenze ed è adatto alla mansione svolta. Siamo davvero orgogliosi di averlo con noi.
Intervista a Cisse Mamadi
Come sei arrivato in Italia? Il mio percorso è stato difficile e pieno di pericoli. Attraversare il deserto non è stato facile: sono partito dalla Guinea lasciando i miei affetti, sono arrivato in Libia dove ho lavorato per 6 anni come magazziniere. Purtroppo la Libia non era una terra sicura e nel 2018 sono sbarcato in Sicilia dove sono stato accolto dalla Caritas. Come hai conosciuto ENAC Veneto e i suoi servizi? All’interno dei centri di accoglienza ho incontrato Barbara, la mia tutor, e il signor Braido, il responsabile del centro. Entrambi mi hanno seguito e indirizzato verso un progetto di integrazione che ha previsto per me l’apprendimento della lingua italiana e l’orientamento verso i servizi  territoriali che si occupano di formazione e collocamento lavorativo. Successivamente il signor Braido mi ha messo in contatto con ENAC Veneto che mi ha informato dell’opportunità di attivare l’Assegno per il Lavoro. Come ti sei trovato con ENAC Veneto? Inizialmente mi sono sentito perso, non conoscevo bene Treviso. Una volta attivato l’AxL ENAC Veneto sono stato preso in carico dalla Dott.ssa Carla Nani che mi ha seguito nel percorso personale e nel collocamento. Lo staff ENAC Veneto e i docenti hanno curato la mia formazione con attenzione e, a conclusione del corso, sono stato messo in contatto con l’azienda che mi ha assunto a tempo indeterminato. Cosa hai provato? Non dimenticherò l’aiuto che mi hanno dato i servizi per il lavoro di ENAC Veneto, la Caritas, l’azienda che mi ha assunto dandomi fiducia. Il primo giorno di lavoro ero agitato, non mi sembrava vero di poter iniziare un lavoro sicuro: per questo mi sono impegnato perché le cose andassero bene e così è stato. La rete si è attivata anche per trovare una collocazione dove potessi alloggiare e sono stato accolto da una famiglia del territorio dove abito tuttora. Ora mi sento integrato e realizzato.
Ed ora la parola a Carla Nani di ENAC Veneto!
ENAC Veneto collabora con molte aziende offrendo il servizio di segnalazione dei candidati che rispecchino maggiormente le necessita dell’azienda. Nel caso di Cisse, abbiamo pensato al corso di Magazzino, che gli ha fornito competenze tecniche e procedurali che, sommate alle esperienze di lavoro sostenute in passato, lo hanno portato ad essere il candidato ottimale per le esigenze di GT Servizi. Lui si è dimostrato disponibile e serio fin dai primi appuntamenti con noi. Durante la formazione in aula è stato sempre puntuale e ha dimostrato volontà di imparare. L’incontro con la realtà lavorativa ha poi confermato le sue capacità professionali e personali che gli hanno fatto guadagnare l’assunzione a tempo indeterminato. La sinergia è il rapporto tra elementi o forze operanti al conseguimento di uno stesso fine. Se il fine è condiviso, gli elementi entrano in gioco raggiungendo risultati importanti, che non si fermano al semplice collocamento lavorativo, ma abbracciano un concetto più grande che è espresso nella parola dignità. Come psicoterapeuta credo che in questo si racchiuda il senso del nostro lavoro, ossia cooperare alla valorizzazione di una persona che ha nella sua individualità gli strumenti per dare il proprio contributo professionale e umano. Come operatore del mercato del lavoro operante nel collocamento credo che questa storia sia una dimostrazione dell’impegno e della dedizione di persone che operano per un bene comune. Cisse Mamadi è la dimostrazione di una persona attiva all’interno del nostro territorio, proattiva all’inclusione sociale, capace di cogliere una mano tesa verso di lui e di trasformarla in una possibilità di riscatto.   01/10/2019