CORSI

LAVORO

22/09/2020

Il cambiamento di Rosalba dopo 20 anni di lavoro in ENAC. Rosalba ci mancherai!

Ecco i saluti tra Rosalba e le colleghe della sede di Feltre.

Quello di oggi è un articolo un po’ particolare: non è una case history né un approfondimento di un tema inerente alla formazione o al lavoro. È un articolo diverso e anche un po’ difficile da scrivere per chi ha conosciuto Rosalba e oggi deve salutarla perché, dopo 20 anni di lavoro in ENAC, ha dato le dimissioni per una scelta “di cuore”. Riportiamo un estratto dello scambio di e-mail tra lei e le colleghe della sede di Feltre, in cui ha lavorato per… 2 decenni!
Staff Feltre ENAC Veneto Eccole qui le colleghe di Feltre: (da sinistra) Rebecca, Irene, Rosalba, Erika e Giulia.

ROSALBA

Il 13 marzo 2020 ho compiuto 20 anni di lavoro come dipendente ENAC. “Il cambiamento non ci piace, ci fa paura, ma non possiamo evitare che arrivi: o ci adattiamo al cambiamento o rimaniamo indietro. Crescere è doloroso. Chiunque vi dica il contrario sta mentendo. Ma la verità è che qualche volta più le cose cambiano, più restano le stesse. E qualche volta, oh, qualche volta il cambiamento è bello. Qualche volta il cambiamento è… tutto. Tutte le cellule del corpo si rigenerano in media ogni 7 anni, come i serpenti, a modo nostro, cambiamo pelle. Biologicamente diventiamo una persona nuova. Possiamo sembrare gli stessi, probabilmente è così, il cambiamento non è visibile, almeno non alla maggior parte di noi, ma siamo cambiati, completamente, per sempre.” (Meredith, Grey’s Anatomy) CAMBIAMENTO. Ecco la parola che scelgo a rappresentare questi 20 anni di vita in ENAC, con ENAC. E la prima parola che desidero lasciare in dono a tutti i miei cari “utenti”, tutte le mie care suore canossiane, tutte le care colleghe. Decine e decine di persone che hanno percorso con me, per tratti più o meno lunghi, questo importante cammino di vita. Qualcuno, anni fa, mi fece notare che dimostravo una forte resistenza al cambiamento, qualcuno, oggi, mi riconosce un certo coraggio nel cambiare. Dentro di me, come dentro tutti, c’è spazio sia per la Paura sia per il Coraggio. Ricordo che ho iniziato a lavorare in un ufficio dove imperavano pile di fax e i primi confronti con i formatori erano per convincere qualcuno di loro a usare la mail! Lascio un posto di lavoro dove l’ufficio negli ultimi mesi è addirittura “sparito” e dove è iniziata l’avventura dell’online, della formazione e dell’orientamento digitali a distanza. So che da questo stravolgimento, il mio lavoro ha tratto nuova linfa, entusiasmo, energia, visione per il futuro. Carburante puro per il passaggio che sto per compiere! Fra le mille e più cose che ho imparato durante questi 20 anni a livello personale, relazionale, professionale, c’è che sono cambiata e che cambierò ancora, rimanendo sempre me stessa. Voi tutte siete cambiate e cambierete, ma resterete sempre voi stesse. Un abbraccio fortissimo!  

ERIKA

Cara Rosalba, l’ultimo giorno mi sembrava così distante quando a febbraio mi avevi annunciato la tua decisione. Invece i mesi sono volati e la chiusura forzata non mi ha preparata bene a questo distacco… 18 anni insieme: una relazione, la nostra, costruita con il tempo; siamo cresciute insieme, pensavo che saremo arrivate insieme alla pensione… Tu mi hai scelta e accolta quando sono entrata in ENAC e sono tantissimi i ricordi che porto nel cuore, di momenti lavorativi e non che abbiamo condiviso. Insieme abbiamo fatto crescere l’ente, sempre nuove attività, sempre nuovi progetti, cambiamenti, scelte e tanti colleghi hanno condiviso con noi un pezzo di strada, il lavoro e la passione. Ora sono spaventata, non so bene cosa ci aspetta, sicuramente sarà diverso, ma sono felice per te. So bene quanto questa decisione sia ponderata e sofferta e posso solo immaginare quanto ti batta il cuore a fare questo passo. Ammiro il tuo coraggio, la tua capacità di fare un salto nel vuoto. Sei davvero forte, sei pronta a rinascere. Parti per questo nuovo viaggio con la sicurezza di lasciare dietro di te tante soddisfazioni, tante persone che ti stimano e ti vogliono bene; parti lasciando le tue sicurezze, ma forte di tutto quello che hai costruito negli anni. Hai una valigia piena di esperienze, conoscenze e talenti che sicuramente ti apriranno porte o che ti permetteranno di giocare ruoli diversi e sono certa che avrai ancora tante soddisfazioni. Un abbraccio forte: che tu possa affrontare la tua nuova vita sentendo la forza e il sostegno delle persone che lasci. Ti voglio davvero molto bene!  

GIULIA

Cara Ros, il 9 marzo avevamo l’equipe creativa, parlavamo di emozioni e stati d’animo (gioia, tristezza, paura, disgusto, rabbia)… e tu ci hai sganciato la “bomba”. Cercando di sdrammatizzare abbiamo detto “beh dai mancano ancora 4 mesi”. Poco dopo l’Italia si è fermata e adesso eccoci qui a pochi giorni dalla tua partenza. La prima reazione è stata: “E adesso? Come facciamo”? La sensazione di perdita e mancanza è stata immediata! Mi mancherà il nostro rapporto che negli anni è cresciuto, maturato, rinforzato! Il gioco di squadra è diventato sempre più uno strumento di lavoro fondamentale per la gestione dei progetti. Mi mancheranno le risate che ci siamo fatte nei momenti di pausa o di sclero. Mi mancherà il tuo sguardo accogliente e in modalità ascolto nei momenti difficili che ci sono stati. Mi mancheranno tanto alcune tue e nostre “gag”. Mi mancheranno i tuoi occhi da cerbiatta quando ci guardi e cerchi di ricordare qualche evento o qualcuno ...fantastica! Mi mancherà vederti concentrata nello studio e impegnarti per raggiungere i tuoi obiettivi! Che gran determinazione ragazza! Non sono mancanze in realtà, ma momenti e situazioni che custodirò nel cuore come un tesoro e che ricorderò con affetto e tenerezza. Ti auguro il meglio per tutte le novità che affronterai! Ti voglio bene.  

REBECCA

Quando hai annunciato le tue dimissioni c’è stata sorpresa, ma subito anche comprensione e tanta stima. Ecco: STIMA credo sia la parola che più rappresenta i miei pensieri nei tuoi confronti. Stima per il cammino che hai fatto, per la continua e lunghissima passione per lo studio e la continua formazione, la crescita professionale. Stima per i risultati raggiunti, stima per le tue competenze e le tue capacità. Mi mancherai. Ci siamo conosciute tanti anni fa ormai, tredici per la precisione. Ne sono successe di cose nelle nostre vite, nel nostro ufficio, nel nostro adorato ente. Entrambe legate alla scuola, all’ENAC, alle madri e ai nostri responsabili e alle nostre colleghe a cui vogliamo bene e con cui abbiamo costruito e vissuto tanto. Hai avuto un grande coraggio nel fare certi passi ed ora questo così grande! Sei mossa dall’amore per la tua famiglia e questa è una cosa proprio bella. E poi diciamolo: proprio tu, dopo tutti questi anni etichettata come “resistente al cambiamento”, dimostri a tutti quanto invece sei capace di affrontarlo, un grande cambiamento. Cambi vita, cambi luogo, cambi casa, cambi gente, cambi aria…ma ciò che hai costruito dentro di te, in cuore e in testa, non te lo toglie e te lo cambia nessuno e anzi sarà la tua forza, la tua spinta per nuovi sogni, nuovi progetti, nuove sfide, nuove cose da imparare, nuove soddisfazioni da guadagnare (te le meriti tutte!). Salutarti e vederti serena e fiduciosa nel futuro, convinta della tua scelta, mi ha rincuorato tanto. Fai buon viaggio e Buona vita! Ti abbraccio.  

IRENE

Mi viene in mente il ritornello di una canzone di Maz Pezzali che dice: “Lo strano percorso di ognuno di noi, che neanche un grande libro un grande film potrebbero descrivere mai. Per quanto è complicato e imprevedibile, per quanto in un secondo tutto può cambiare. Niente resta com'è”. Questo ritornello riassume una delle grandi verità della vita ossia che niente resta mai così com’è. Le cose cambiano e noi cambiamo. A volte però non ce ne rendiamo conto e così ci ritroviamo in una vita che non ci rispecchia al cento per cento e forse è quello che è successo anche a te. È arrivato per te il momento di cambiare; forse perché tu, nel tempo sei cambiata! Ed è una fortuna che sia così. Cambiare progetti, cambiare sogni, cambiare idee, vuol dire essere in continua evoluzione e crescita. Tu lo sai bene: per lavoro accompagni le persone nei loro cambiamenti di vita e di lavoro, le aiuti a vedere le diverse strade. E sai come l’essere umano abbia bisogno, in diverse fasi della vita, di cose diverse. Per questo cambiamo i morosi, i mariti, gli amici, i posti che frequentiamo, gli sport che facciamo o non facciamo, la musica che ascoltiamo, il cibo che apprezziamo… Perché siamo in continuo cambiamento e possiamo portare con noi solo quelle cose e quelle persone che continuano a rispondere ai nostri bisogni. Sai che tristezza se non fosse così! Solo che cambiare costa fatica: dobbiamo trasformare l’immagine che abbiamo di noi stessi… Per vent’anni hai visto te stessa come dipendente di ENAC, o forse meglio dire come parte della famiglia di ENAC. E ora, dovrai vederti come qualcosa di diverso. Non è un passaggio facile! È molto più facile rimanere ancorati nelle proprie abitudini, nelle proprie sicurezze, nei propri spazi, anche se ci stanno stretti. Prendere la decisione che hai preso tu è un atto di grande coraggio. E noi ti sosteniamo in questo, anche se ci mancherai! Da te ho imparato alcune importanti cose:
  • A non giudicare le persone di primo acchito, da come si presentano o da come parlano, o da come si atteggiano. Alcune persone sono esattamente come le vedi, altre invece possono rivelarsi migliori di quello che sono, perché abituate a portare una corazza, perché hanno bisogno di incontrare qualcuno che sia disposto ad andare oltre, a conoscerle, ma soprattutto ad ascoltarle.
  • A fidarmi e ad affidarmi alle persone. Ogni persona che incontriamo può aprirci mondi nuovi e farci scoprire tante cose.
  • A chiedere anche quando ho paura di disturbare, perché chiedere è sempre lecito e molto spesso le persone sono molto più disponibili ad aiutarci di quanto pensiamo!
Sono molto felice di averti conosciuta e di averti avuta come guida nel mondo dell’orientamento e ti voglio ringraziare di cuore per tutti i consigli, per i momenti di sfogo, per i sorrisi, per le chiacchierate insieme. Sono sicura che questa nuova avventura ti porterà tante cose belle e tante soddisfazioni. Ti voglio bene.  
Vogliamo terminare questo articolo riportando il testo di una canzone che Giulia ha scelto per salutare Rosalba e che ci sembra il più adatto per salutarla anche a nome di tutti i colleghi delle altre sedi di ENAC che hanno avuto la fortuna di conoscerla e lavorare insieme a lei! Buon viaggio Che sia un'andata o un ritorno Che sia una vita o solo un giorno Che sia per sempre o un secondo L'incanto sarà godersi un po' la strada Amica mia comunque vada Fai le valigie e chiudi le luci di casa Coraggio lasciare tutto indietro e andare Partire per ricominciare Che non c'è niente di più vero di un miraggio E per quanta strada ancora c'è da fare Amerai il finale   Tutti noi ti auguriamo davvero il meglio, Rosalba! Lo staff ENAC Veneto.   22/09/2020